SguardOscuro 2

Pubblicato il 16 Gennaio 2020 in Eventi


La rassegna cinematografica SguardOscurO si rivolge principalmente agli studenti del triennio del liceo Federico ma è ovviamente aperta a tutti. Dai titoli selezionati si intuisce che il periodo preso in esame è quello dei primordi del cinema, il primo trentennio del secolo XX, prima dell’avvento del sonoro. La scelta del periodo è dettata da un lato dall’esigenza di mostrare come storicamente una tecnologia si fa linguaggio, forma narrativa, arte, e dall’altro dalla necessità di illustrare i basilari della narrazione cinematografica a ragazzi che vivono la comunicazione audiovisiva per lo più da analfabeti funzionali.
Gli incontri previsti sono sei. Si parte dallo sguardo che cattura il movimento, i primi 10 anni del secolo scorso, appannaggio di inventori uomini che affinarono tecniche di ripresa e tecniche di proiezione per giungere nel secondo incontro alle prime narrazioni di qualità che vedono le donne protagoniste come registe e sceneggiatrici. Si prosegue con l’imposizione del modello hollywoodiano negli anni ’20 e ’30 al quale, nel frattempo, si contrappongono forme nuove e innovative di racconto nel terzo incontro. Negli ultimi tre incontri saranno analizzate con dettaglio opere di registi che più contribuirono alla molteplicità delle forme narrative diverse e spesso opposte allo standard hollywoodiano. Le invenzioni del trentennio sono come la tavola degli elementi in chimica. Ciò che accade nei decenni successivi è la mescolanza tra questi elementi che altri autori in altre opere comporranno. Mi sovvengono paragoni arditi: Kubrick nelle scenografie bianchissime ed essenziali della navicella in 2001 ha aggiunto nulla a quanto non avesse già fatto quasi 50 anni prima Dreyer, maestro della sottrarzione del superfluo; Tim Burton è spessissimo un geniale rielaboratore di visioni espressioniste; il Neorealismo italiano non aggiunge molto di più allo sguardo etico che già i primi registi e documentaristi fecero negli anni trenta. L’auspicio è che si possa guardare con consapevolezza maggiore alle cinematografie dei decenni successivi attraverso la lente proposta in questi sei incontri e scoprire memorie del trentennio in innumerevoli opere molto più vicine a noi. È per questo che sono stati individuati cortometraggi premiati del terzo millennio che con le opere classiche hanno a volte elementi comuni sia nei contenuti sia nella scrittura.
Buona visione
Luigi Masiello

Modulo di iscrizione studenti

Scarica il programma dei sei incontri – SguardOscurO